Home » Articoli » Proiettore DLP 4K HDR Laser Optoma UHZ65 – La prova

Proiettore DLP 4K HDR Laser Optoma UHZ65 – La prova

Introduzione

optoma uhz65 art ev - Proiettore DLP 4K HDR Laser Optoma UHZ65 - La prova

Benvenuti, o ben trovato a chi già mi conosce o si ricorda delle mie recensioni su Tech4u e su altri siti o riviste! Complice una terapia sperimentale per la cura della leucemia che sto facendo a Perugia (ragazzi, di queste parole terribili oggi, grazie a Dio, non è detto si muoia sempre, tant’è che sto scrivendo questo articolo! 🙂 ), ho approfittato della solita gentilezza di Simone Berti di Home Cinema Solution (distributore esclusivo per l'Italia di questo proiettore Optoma) per sottrargli uno degli oggetti più chiacchierati di questo periodo, ossia questo Optoma UHZ65. Perché chiacchierato? Perché l’arrivo sul mercato…

In breve

Prestazioni SDR - 75%
Prestazioni HDR - 85%
Dotazione e Menu - 55%
Qualità / Prezzo - 75%

73%

Cinema in casa 4K HDR Laser

Conclusione : Un videoproiettore 4K Laser molto luminoso. La modulazione Dynamic Black aumenta il contrasto, ma appare ancora migliorabile. Di impatto le immagini in HDR!

73
Benvenuti, o ben trovato a chi già mi conosce o si ricorda delle mie recensioni su Tech4u e su altri siti o riviste! Complice una terapia sperimentale per la cura della leucemia che sto facendo a Perugia (ragazzi, di queste parole terribili oggi, grazie a Dio, non è detto si muoia sempre, tant’è che sto scrivendo questo articolo! 🙂 ), ho approfittato della solita gentilezza di Simone Berti di Home Cinema Solution (distributore esclusivo per l’Italia di questo proiettore Optoma) per sottrargli uno degli oggetti più chiacchierati di questo periodo, ossia questo Optoma UHZ65.

Perché chiacchierato? Perché l’arrivo sul mercato di questo DLP, insieme a BenQ W1700 (altra fascia di prezzo) e Vivitek, rappresenta il tentativo di re-ingresso di una tecnologia che per anni è stata il non plus ultra nel campo Home Theater, prima di

venire praticamente soppiantata da D-ILA, SXRD ed LCD vari. Texas Instruments, alias TI come sapete, ha fatto una mossa analoga ai suoi concorrenti (tranne Sony) nel senso che non ha dotato questa linea di proiettori per il cinema in casa di una matrice realmente 4K, ma si è affidata ad un chip DMD da 0.66” che non è un Ultra HD nativo, ma sfrutta anch’esso un “trucchetto” per arrivare alla risoluzione massima di oggi. Lo fa però con un vantaggio innato: a differenza dei suoi concorrenti, che devono far convergere 3 pannelli RGB per avere un’immagine a colori, TI usa la sempiterna ruota colore, che parte però da una matrice sola. Questo è la gioia degli innamorati dell’immagine iper-dettagliata, orfani da anni di questa caratteristica che è sempre stata riconosciuta al DLP: proprio per costruzione intrinseca, dunque. Solo che è altrettanto vero che da anni i proiettori con questa tecnologia non riescono a stare al passo con chi (soprattutto JVC con il suo D-ILA) è riuscito a produrre pannelli dove il nero è realmente nero (non assoluto, ma una sua ottima interpretazione), anche senza l’aiuto di iris dinamici.

La domanda quindi è arrivata immediata: ma questa macchina sarà in grado di proporsi come una reale alternativa alla produzione concorrente, e rappresenta davvero un nuovo roboante ingresso nel nostro mondo? Per chi non ha avuto modo di vederla direttamente, non rimane altro che leggere.

Condividi su:

Andrea Manuti

Avatar

17 commenti

  1. Avatar

    Complimenti per l’ottima recensione, che ho letto tutto d’un fiato! E ammetto di essere uno di quelli che non aveva capito bene cosa facesse la vobulazione…ora è tutto un po’ più chiaro. E poi finalmente anche parecchie misure, che fanno capire piuttosto bene quali possano essere i limiti di questa macchina. In effetti, luminosità e dettaglio proprio non mancano a questo UHZ65…peccato per nero e gamut…

  2. Avatar

    mi unisco ai complimenti, grande recensione! finalmente si capisce per bene cos’è sta vobulazione e quali sono i suoi pregi e limiti.
    vorrei porre una domanda, se ho capito bene la calibrazione con un colorimetro senza profilatura non dà risultati attendibili con una macchina laser, sarebbe quindi obbligatorio lo spettrofotometro oppure ci si può accontentare comunque?

  3. Gian Luca Di Felice

    In attesa della risposta diretta di Andrea, ti rispondo io: se non possiedi un colorimetro già profilato per l’emissione laser (come lo sono la C6 HDR2000 di Spetracal o la Klein), le misurazioni rischiano di essere del tutto approssimative e quindi inattendibili. Se poi a tutto ciò aggiungi che nell’Optoma è presente la ruota colore (quindi NON è un laser puro) e che è stato di fatto pensato per lavorare con l’intervento di modulazione laser “Dynamic Black”, ecco che aggiungi ulteriori variabili che incidono sulle misurazioni e relative calibrazioni. Poi ci si può anche “accontentare”…ma non sarà certamente una calibrazione corretta e attendibile. Quindi, in questo caso, direi che la profilazione del colorimetro è caldamente consigliata (se non obbligatoria!)

  4. Gian Luca Di Felice

    Grazie Paolo, siamo felici di aver fatto un po’ di chiarezza (sia per la vobulazione sia con le misure… che riteniamo fondamentali per “raccontare” al meglio qualsiasi display / videoproiettore)

  5. Avatar

    grazie della risposta. questo fatto quindi mi fa capire che la calibrazione debba essere fatta da chi di dovere magari durante l’installazione e non dall’utente, che molto probabilmente non possiede una sonda con tale profilatura fatta nel suo ambiente

  6. Gian Luca Di Felice

    In realtà non durante l’installazione, ma dopo almeno un centinaio d’ore di utilizzo per consentire, in particolare, ai fosfori della ruota colore di “assestarsi”. Visto che le calibrazioni costano (e quelle serie, non poco), che sia fatta al momento giusto. 😉

  7. Avatar

    Carmine, Gian Luca ti ha già risposto pienamente. La nostra idea (se non altro per rispetto al concetto di misura) è che se uno le fa, cerchi di farle al meglio! Ovviamente nessuno pretende strumenti da decine di migliaia di Euro, ma farle tanto per farle serve a poco. E ti assicuro che i “giri” che ho dovuto fare su questo Optoma sono stati parecchi. Li avessi dovuti fare in una situazione nella quale sapevo che erano inattendibili, invece che soddisfazione avrei provato frustrazione!

  8. Avatar

    Paolo, in realtà… anche io ci ho capito poco! Nel senso che non c’è la certezza. Di sicuro aver visto le tracce del DMD con un tempo di ripresa da 1/30 in giù inclinate in quel modo mi fa propendere per quella disposizione, ma non lo posso garantire, ovviamente. Certo, leggere certe disquisizioni ed affermazioni fatte in un modo che mi faceva intendere che chi le aveva scritte non solo non aveva capito nulla come me, ma non si era minimamente posto il problema… mi ha dato fastidio. E ti assicuro, per esperienza, che gli americani sono tanto bravi, ma ogni tanto hanno atteggiamenti da “Io so’ io e voi nun siete ‘n c…o”, anche se non parlano romano! E non parliamo degli inglesi! Comunque è solo un tentativo, cercando di ragionare e di portare dati ed immagini, tutto qui!
    Per quanto riguarda il gamut,. per ora ci dobbiamo accontentare per parecchi display. Sul nero… beh, quello è un problema di scelta. A molta gente interessa di meno, oppure vede principalmente televisione e sport: ed allora questo elemento ha minore importanza. Non siamo tutti uguali, fortunatamente!

  9. Avatar

    grazie ancora per la risposta. giusto per capire bene, secondo te, la profilatura del colorimetro con i vpr a lampada classica è allo stesso modo “caldamente consigliata” oppure l’errore che si compie può essere accettabile?

  10. Avatar

    Certamente consigliata, ma non indispensabile come nel caso di lettura di un laser. Il colorimetro è in grado di leggere solo alcune emissioni, non tutte. L’accuratezza con cui lo fa è quella dello strumento di misura, quindi, come tutti, ha degli errori. Ma non di concetto come nel caso del laser! ;=)

  11. Avatar

    grazie ancora per la risposta. Un acquirente dovrebbe quindi tener ben presente questo aspetto, soprattutto perchè out the box il vpr mi sembra ben lontano dal riferimento richiedendo a te “ore e ore di lavoro”!

  12. Avatar

    Sono orami dell’idea che ognuno debba fare ciò che vuole, Carmine, se questo (in un campo come la videoproiezione, beninteso!) è ciò che gli piace. Se uno vuole tarare con il DB e poi lo accende in un momento successivo, avendo mostrato con dei grafici ciò che avviene (se non altro con questa macchina), mi pare che stia eseguendo un non-senso. Ma se per lui va bene, perché il proiettore lo vede bene e con soddisfazione in quella modalità, cosa si può dire? Ognuno deve essere contento per i soldi che ha speso, e non c’è una verità assoluta, in questo ambito! Di certo se fai le misure di linearità cromatica in default l’Optoma è certo lineare: se non ti interessa il livello del nero ed il gamma, lo puoi anche tenere così, se per te va bene. Sono scelte…

  13. Avatar

    Grazie per la recensione e per avermi fatto, indirettamente, risparmiare dei soldi! Forza motorsport è un gioco che renderebbe bene su un vpr di questo genere. Mi permetto di dire un grosso forza…. per la gioia della vita.

  14. Avatar

    Grazie per la fantastica recensione! Sarebbe veramente interessante capire se con il nuovo firmware che optoma installa in assistenza è cambiato qualcosa sui neri (a quanto ho letto sicuramente i banchi di memoria non presentano i problemi descritti)

  15. Gian Luca Di Felice

    Ciao! Purtroppo non abbiamo più da tempo la macchina in redazione, quindi non siamo in grado di valutare la resa con il nuovo FW. Se dovesse capitarci comunque lo faremo senz’altro.

  16. Avatar

    Grazie per la risposta…immaginavo non l’aveste più ma ci ho provato. Credo che la valutazione del grande Andrea potrebbe cambiare un poco con gli aggiornamenti introdotti!

  17. Avatar

    Ciao.
    Da possessore sono d’accordo con alcuni utenti americani che sostengono che gli algoritmi del Db devono essere riscritti e non esiste firmware correttivo che tenga.
    Occorre necessariamente impostare il Db al livello 1 (pena solarizzazioni e cambiamenti repentini della luminosità);peccato,però,che significherebbe trovarsi un CR scarso in linea con tutti i Dlp presenti sul mercato.Inoltre,lato firmware,c’è pochissimo supporto ed è stato abbandonato.Ciao

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

X