Home » Articoli » Proiettore sonoro Yamaha YSP-5600 Dolby Atmos – La prova

Proiettore sonoro Yamaha YSP-5600 Dolby Atmos – La prova

Introduzione

yamaha_ysp5600_art_evi

Correva l'anno 2005 quando Yamaha introdusse sul mercato il suo primo proiettore sonoro YSP-1, che vinse subito il premio di prodotto più innovativo del CES di quello stesso anno e fu accolto con entusiasmo sia dalla stampa specializzata che dagli appassionati. Sebbene lo YSP-1 non fu il primo proiettore sonoro del mercato, con Altec Lansing e Pioneer che svilupparono qualche anno prima il concetto di "barra sonora surround", Yamaha riuscì ad alzare l'asticella proponendo un prodotto finalmente credibile grazie all'esperienza acquisita nello sviluppo degli algoritmi DSP (Digital Sound Processing) e ad una sofisticata tecnologia di calibrazione automatica in grado…

In breve

Estetica - 70%
Prestazioni - 85%
Versatilità - 90%
Qualità / Prezzo - 65%

78%

Proiettore sonoro Dolby Atmos

Conclusione : Il primo proiettore sonoro 7.1.2 canali con supporto Dolby Atmos e DTS:X, molto potente, completo di HDMI 2.0 e di multiroom wireless MusicCast

78
Correva l’anno 2005 quando Yamaha introdusse sul mercato il suo primo proiettore sonoro YSP-1, che vinse subito il premio di prodotto più innovativo del CES di quello stesso anno e fu accolto con entusiasmo sia dalla stampa specializzata che dagli appassionati. Sebbene lo YSP-1 non fu il primo proiettore sonoro del mercato, con Altec Lansing e Pioneer che svilupparono qualche anno prima il concetto di “barra sonora surround”, Yamaha riuscì ad alzare l’asticella proponendo un prodotto finalmente credibile grazie all’esperienza acquisita nello sviluppo degli algoritmi DSP (Digital Sound Processing) e ad una sofisticata tecnologia di calibrazione automatica in grado di mappare l’acustica dell’ambiente di riproduzione e le relative riflessioni.

yamaha_ysp5600_art_9

Da allora Yamaha ha sviluppato decine di proiettori sonori, più o meno sofisticati e per tutte le tasche, con il nuovo YSP-5600 che ne rappresenta la sintesi più sofisticata ed ambiziosa, introducendo il supporto alla riproduzione delle tracce “audio 3D” Dolby Atmos e DTS:X e promettendo un’esperienza surround fino a 7.1.2 canali. Non solo la massima espressione della riproduzione sonora cinematografica, ma anche tanta versatilità, con l’YSP-5600 completo di supporto multi-room wireless MusiCast, riproduzione tracce audio in alta risoluzione, streaming da servizi musicali come Spotify o Napster, streaming musicale Bluetooth e anche supporto AirPlay, DLNA ed ingressi / uscita HDMI 2.0 con HDCP 2.2 e pass-through 4K Ultra HD fino a 60 fotogrammi al secondo, ma privo di supporto HDR.

yamaha_ysp5600_art_1

Il nuovo YSP-5600 è pensato quindi per tutti coloro che non vogliono “combattere” con complicati sinto-amplificatori audio-video e diffusori sparsi per tutto il salotto, senza dover rinunciare ad una coinvolgente esperienza cinematografica di ultima generazione e alla versatilità multimediale. Ci riesce davvero? Scopriamolo insieme.

Gian Luca Di Felice

Gian Luca Di Felice
Email: gianluca@tech4u.it. Amministratore e direttore di Tech4U. Appassionato di musica, cinema e informatica, ho collaborato con i più importanti mensili e siti di tecnologia, nonché quotidiani nazionali. Sono in possesso dell'attestato "ISF Level II Certified Calibrator" (certificazione internazionale per la calibrazione video) e sono stato anche consulente per aziende di authoring DVD / Blu-ray e studi di architettura.

Lascia un Commento