Home » News » Audio » XTZ Headphone Divine: cuffie wireless con DSP

XTZ Headphone Divine: cuffie wireless con DSP

xzt 13 10 2014 - XTZ Headphone Divine: cuffie wireless con DSP

La svedese XTZ, fondata nel 2004, ha lanciato una nuova campagna di raccolta fondi su Kickstarter, con lo scopo di finanziare lo sviluppo delle cuffie Headphone Divine. La particolarità di questo prodotto consiste nell’integrazione di uno specifico DSP (Digital Sound Processing), utilizzabile per sfruttare la tecnologia di correzione acustica sviluppata da Dirac. Il software integrato è Dirac HD Sound, una soluzione che impiega un apposito algoritmo capace di eliminare la “colorazione” del suono.

Le funzioni legate a Dirac vengono gestite per mezzo di un’applicazione per dispositivi mobili, disponibile per iOS e Android. Le modalità audio sono in tutto sei, predefinite da XTZ. Il produttore garantisce un supporto costante, per mantenere aggiornate le applicazioni e migliorare le funzioni offerte dal DSP. Le cuffie Headphone Divine utilizzano driver da 40mm con magneti al neodimio, capaci di garantire una pressione sonora di 97dB, con una risposta in frequenza compresa tra 15Hz e 32kHz e un’impedenza di 59 Ohm a 1kHz. Il peso è di 170 grammi, con la possibilità di sfruttare la connettività Bluetooth 4.0 con aptX, l’abbinamento tramite NFC e anche un connettore analogico, in modo da poter utilizzare le cuffie sia con i dispositivi sprovvisti di Bluetooth, sia quando la batteria è terminata. La durata di quest’ultima si attesta a circa 14 ore di riproduzione.

xzt 2 13 10 2014 - XTZ Headphone Divine: cuffie wireless con DSP

Su uno dei padiglioni auricolari sono presenti i controlli multi-funzione, per la riproduzione dei brani musicali e il viva-voce, reso possibile grazie al microfono che equipaggia le Headphone Divine. La raccolta fondi ha già doppiato l’obiettivo prefissato, superando i 50.000 dollari. Per l’acquisto sono richiesti 99 dollari, con la spedizione prevista per dicembre.

A seguire il video di presentazione:

Fonte: Kickstarter

Condividi su:

Filippo Gamberini

Filippo Gamberini