Home » News » Home & Gadget » Neptune Duo: lo smartphone è nel bracciale

Neptune Duo: lo smartphone è nel bracciale

neptune7 17 02 15 - Neptune Duo: lo smartphone è nel bracciale

Mentre tutti sviluppano smartwatch o bracciali da sincronizzare con uno smartphone, la start-up canadese Neptune punta all’esatto contrario: un bracciale dotato di tutte le funzionalità tipiche di uno smartphone, cui eventualmente accoppiare un display da 5 pollici per visualizzare i contenuti su uno schermo più grande. Il nuovo Neptune Duo è, infatti, composto dal bracciale Hub e dallo schermo di “accompagno” Pocket. L’Hub è dotato di un display touch-screen flessibile da 2,4 pollici, con processore quad-core, 64 GB di spazio d’archiviazione, connettività Wi-Fi, Bluetooth, NFC, modulo telefonico con connettività dati 4G LTE, modulo GPS, altoparlante, microfono, vibrazione e sensori accelerometro, giroscopio, bussola e cardio-frequenzimetro. La batteria ricarcabile integrata ha una capacità di 1.000 mAh.

neptune6 17 02 15 - Neptune Duo: lo smartphone è nel bracciale

Dal canto suo il Pocket integra uno schermo LCD touch-screen da 5 pollici a risoluzione 1280 x 720 pixel, una fotocamera posteriore da 8 mega-pixel con flash LED, una frontale da 2 mega-pixel, altoparlante e microfono (per rispondere alle chiamate), sensori accelerometro e giroscopio. Manca totalmente il modulo telefonico e la batteria integrata ha una capacità di 2.8000 mAh.

neptune2 17 02 15 - Neptune Duo: lo smartphone è nel bracciale

Il sistema operativo del bracciale Hub è Android in versione Lollipop 5.0, con accesso a tutte le applicazioni del Play Store di Google. L’Hub funziona indipendentemente dal Pocket ed sarà possibile effettuare o rispondere a chiamate in viva-voce (in stile Michael Knight di “Super Car”), oppure tramite cuffie Bluetooth. In alternativa, potrete rispondere alle chiamate in arrivo sull’Hub tramite il Pocket, che si sincronizza con il bracciale via NFC e streaming Bluetooth. I 2.8000 mAh della batteria del Pocket, possono essere utilizzati per ricaricare l’Hub mentre siete in giro e allungarne così l’autonomia (che rischia di essere limitata, considerando l’adozione di una batteria di appena 1.000 mAh).

Un’idea senza dubbio originale, che arriverà sul mercato entro la fine del 2015 al prezzo annunciato di 798 dollari (circa 700 Euro). Chi volesse risparmiare, può ordinarlo già ora, pagando 498 dollari e risparmiando così 300 dollari sul prezzo finale.

Per maggiori informazioni: Neputune Duo

Di seguito un filmato di presentazione:

Fonte: Neptune

Condividi su:

Gian Luca Di Felice

Gian Luca Di Felice
Email: gianluca@tech4u.it. Amministratore e direttore di Tech4U. Appassionato di musica, cinema e informatica, ho collaborato con i più importanti mensili audio-video e quotidiani nazionali. Sono stato anche consulente per aziende di authoring DVD e Blu-ray e posseggo l’attestato “ISF Level II Certified Calibrator” per la misurazione e calibrazione di TV, monitor e videoproiettori.

2 commenti

  1. Avatar

    E’ da anni che lo dico, questo è il futuro. Il telefono è l’orologio e l’orologio è il telefono!
    L’orologio con un mini display mi fa da telefono, sensore biometrico, nfc e avviso di notifiche sms email ect. La parte telefonica è li dentro.
    Il microfono e l’altoparlante sono nel cinghietto che staccato dal polso assume una forma curva, a cornetta.
    A parte posso possedere un display portatile tipo phablet o tablet che mi consente la visualizzazione “ampia” dei contenuti.
    Se sono in macchina, il display è quello della mia vettura, se sono al pc, una porzione del monitor mi fa da display…
    Se sono a casa è la mia tv che fa da display….

  2. Gian Luca Di Felice
    Gian Luca Di Felice

    Ciao Pistino,
    benvenuto su Tech4U!

    Ciò che descrivi tu è ancora un sogno! Tecnologicamente si potrebbero già fare… il problema attuale rimane l’autonomia. Servono batterie o soluzioni di alimentazione di nuova generazione…. ci stanno arrivando, ma ci vorrà ancora qualche anno. Però credo tu abbia inquadrato lo scenario.

    Questp di Neptune è un primo tentativo (che non mi convince del tutto, a dirla tutta), ma credo che ne vedremo diversi nei prossimi mesi/anni! 😉

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.