Home » News » Foto e Ripresa » STAMP, la fotocamera da 4.400 miliardi di fps

STAMP, la fotocamera da 4.400 miliardi di fps

stamp 12 08 2014 - STAMP, la fotocamera da 4.400 miliardi di fps

Un gruppo di ricercatori giapponesi, appartenenti alla Keio University e alla University of Tokyo, sta sviluppando un nuovo tipo di fotocamera, con lo scopo di realizzare il modello “più veloce del mondo”. Per raggiungere questo obiettivo, si è fatto ricorso ad una nuova tecnologia, conosciuta come Sequentially Timed All-optical Mapping Photography, ovvero STAMP. Il principio di base è quello della “femtofotografia”, ovvero di quella particolare branca che si occupa dell’acquisizione di immagini ad altissima velocità (il nome, infatti, deriva da “femtosecondo”, corrispondente ad un millesimo di nanosecondo).

Descriverne il funzionamento, in dettaglio, non è affatto semplice: i ricercatori parlano di un sistema completamente ottico, utilizzato per ottenere una mappatura del profilo spaziale di un oggetto, mentre varia nel tempo (ovvero mentre si muove o muta la sua condizione), mediante l’acquisizione di una raffica di scatti ad elevatissima velocità. STAMP permette di catturare immagini a ben 4.400 miliardi di fotogrammi al secondo, con una risoluzione di 450 x 450 pixel.

Panasonic OLED

Le applicazioni sono principalmente nel campo scientifico: una simile prontezza permette di visualizzare in dettaglio varie reazioni chimiche e fisiche, come la dinamica del plasma e la conduzione del calore. Un altro tipo di impiego, questa volta in campo industriale, può essere la produzione di componenti per auto, realizzata mediante l’uso di laser. Il prototipo attualmente realizzato, frutto di 3 anni di lavoro, ha dimensioni ancora importanti: circa un metro quadrato. E’ proprio la riduzione degli ingombri il prossimo punto da affrontare: una riduzione degli stessi permetterà di rendere la fotocamera ancora più versatile.

Fonte: Phys.org

 

Nicola Zucchini Buriani

Nicola Zucchini Buriani
Email: nicola@tech4u.it. Appassionato di tecnologia a 360

Lascia un Commento