Home » News » Automotive » Sicurezza ciclisti: auto e casco “si parlano”

Sicurezza ciclisti: auto e casco “si parlano”

volvo1 22 12 14 - Sicurezza ciclisti: auto e casco "si parlano"

Il 50% degli incidenti stradali dei ciclisti in Europa è causato dalla collisione con un’automobile e per, cercare di contenere queste drammatiche stastiche, ci viene ora incontro la tecnologia. Volvo, POC ed Ericsson hanno sviluppato una tecnologia in grado di avvertire un conducente della presenza di un ciclista su strada.

volvo3 22 12 14 - Sicurezza ciclisti: auto e casco "si parlano"

Da sempre attenta agli standard di sicurezza (del conducente, dei pedoni e ora anche dei ciclisti), Volvo ha deciso di far dialogare i sensori di bordo delle automobili con dei sensori integrati nei caschi dei ciclisiti. Grazie a un mix di GPS, sensori di presenza e radar, l’automobile e il ciclista possono essere avvertiti della reciproca vicinanza ed evitare così il rischio di una collisione.

volvo2 22 12 14 - Sicurezza ciclisti: auto e casco "si parlano"

L’autuomobilista viene avvertito della vicinanza di un ciclista su strada (anche in zone d’ombra celate alla vista) con un avviso sul cruscotto o sull’head-up display, mentre il ciclista riceve un avviso luminoso / vibrazione sul casco e sul manubrio dell’imminente rischio di impatto con un’automobile in arrivo. Il primo prototipo in funzione verrà dimostrato in occasione del CES 2015 di Las Vegas, che aprirà i battenti il prossimo 6 gennaio.

Per maggiori informazioni: comunicato stampa (in inglese)

Di seguito un filmato di presentazione:

Fonte: Volvo

Condividi su:

Gian Luca Di Felice

Gian Luca Di Felice
Email: gianluca@tech4u.it. Amministratore e direttore di Tech4U. Appassionato di musica, cinema e informatica, ho collaborato con i più importanti mensili audio-video e quotidiani nazionali. Sono stato anche consulente per aziende di authoring DVD e Blu-ray e posseggo l’attestato “ISF Level II Certified Calibrator” per la misurazione e calibrazione di TV, monitor e videoproiettori.