Home » News » Audio » Auro 3D su ampli Denon e Marantz

Auro 3D su ampli Denon e Marantz

auro3d evi 17 10 2014 - Auro 3D su ampli Denon e Marantz

Denon e Marantz hanno annunciato l’arrivo di un aggiornamento firmware, che aggiungerà il supporto al formato Auro 3D sugli amplificatori home cinema. Auro 3D, rispetto a una configurazione tradizionale, aggiunge un livello supplementare alle tradizionali configurazioni multi-canale, espandendo il suono in verticale. I diffusori vengono installati ad un livello superiore a quello dell’ascoltatore, proprio per ricreare una maggiore estensione in altezza. Da qui ne deriva il richiamo al 3D, poiché si considera l’espansione verticale come una “dimensione sonora” aggiuntiva.

Oltre ai canali superiori, ve ne è anche uno posto sul soffitto, più o meno in corrispondenza del centro della stanza. Questo diffusore, per la posizione che occupa, viene chiamato anche “la voce di Dio”, perché sovrasta tutti gli altri. Il flusso audio Auro 3D è “miscelato” all’interno di un flusso 5.1 PCM standard. Gli amplificatori compatibili sono quindi in grado di decodificare il flusso, ricostruendo la traccia Auro 3D.

I modelli che verranno aggiornati per Auro 3D sono i seguenti:

  • • Marantz: amplificatore SR7009 e preamplificatori AV7702 e AV8802
  • • Denon: amplificatori AVR-X4100W, AVR-X5200W e AVR-X7200W

Fonte: HDFever

Condividi su:

Filippo Gamberini

Filippo Gamberini

2 commenti

  1. Avatar

    E chi lo userà mai come codifica?

    Sembra un DOLBY ATMOS rimarchiato.

    EPPOI Flusso PCM, chi ce lo mette mai dentro i BLuray?

    Ho comprato gli ultimi BRD sabato: tutti miserrimi (GRRR) dolby digital in Italiano.

    Notiza pertanto bellissima, ma che resterà sulla carta…

    walk on
    sasadf

  2. Avatar
    Gian Luca Di Felice

    Forse verrà poco adottato, ma per la cronaca sarebbe meglio dire che il Dolby Atmos “scimiotta” l’Auro 3D, visto che è stato presentato diversi anni prima (nel 2006 a Parigi).

    Tra l’altro i processori Datasat con Auro 3D sono già commercializzati da un paio d’anni (anche questo giusto per la cronaca)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.