Home » News » DVB-T2 in Italia: rimandato obbligo al 2017

DVB-T2 in Italia: rimandato obbligo al 2017

dvbt2 evi 31 12 14 - DVB-T2 in Italia: rimandato obbligo al 2017

L’obbligo di integrare nei nuovi TV il sintonizzatore digitale terrestre di seconda generazione DVB-T2 sarebbe dovuto entrare in vigore a partire da domani, 1 gennaio 2015, con il successivo divieto di vendita di TV privi di decoder DVB-T2 inizialmente fissato per luglio del 2015. Dopo le pressioni delle associazioni dei consumatori e addetti ai lavori, l’entrata in vigore della nuova norma è stata rimandata al 1 luglio del 2016, con divieto di vendita di TV privi di decoder DVB-T2 a partire dal 1 gennaio 2017.

Lo slittamento è stato fissato nel decreto Milleproroghe, approvato dal Consiglio dei Ministri la vigilia di Natale. La richiesta di slittamento dei termini per l’obbligo di integrazione di un decoder DVB-T2 nei TV è stata proposta a tutela dei consumatori, per chiarire la questione relativa al codec: vendere TV dotati di sintonizzatori DVB-T2 privi di supporto al nuovo codec video H.265 / HEVC non avrebbe avuto alcun senso, visto che le future trasmissioni in Full HD e soprattutto Ultra HD via digitale terrestre DVB-T2 utilizzeranno quasi certamente la nuova codifica più efficiente. Il paradosso, però, rimane: l’obbligo è stato rimandato, ma nel decreto Milleproroghe, non vi è alcun accenno all’obbligo di dotare i nuovi TV di decoder HEVC a partire dal 1 luglio del 2016.

dvbt2 1 31 12 14 - DVB-T2 in Italia: rimandato obbligo al 2017

Per evitare ulteriori confusioni, ci auguriamo un intervento del legislatore (siamo ancora ampiamente in tempo) finalizzato a chiarire in maniera inequivocabile la questione HEVC. Approvare lo slittamento di 18 mesi dell’entrata in vigore dell’obbligo DVB-T2 sui nuovi TV e decoder, senza prevedere il concomitante obbligo di supporto al codec video HEVC non avrebbe alcun senso, anche perché la stragrande maggioranza di nuovi TV in commercio sono già dotati di sintonizzatori DVB-T2 (e nel corso del 2015 lo saranno tutti) ma, tranne per alcuni modelli Ultra HD, con il solo supporto al codec Mpeg4. Così com’è stato approvato, lo slittamento ci appare totalmente inutile: ci auguriamo che qualcuno al Ministero dello Sviluppo Economico ne sia consapevole….

Fonte: DDay

Condividi su:

Gian Luca Di Felice

Gian Luca Di Felice
Email: gianluca@tech4u.it. Amministratore e direttore di Tech4U. Appassionato di musica, cinema e informatica, ho collaborato con i più importanti mensili audio-video e quotidiani nazionali. Sono stato anche consulente per aziende di authoring DVD e Blu-ray e posseggo l’attestato “ISF Level II Certified Calibrator” per la misurazione e calibrazione di TV, monitor e videoproiettori.