Home » News » Audio » Firmware Auro-3D per Denon e Marantz

Firmware Auro-3D per Denon e Marantz

auro3d evi 17 10 2014 - Firmware Auro-3D per Denon e Marantz

Come avevamo anticipato lo scorso ottobre, Denon e Marantz hanno rilasciato un aggiornamento firmware per abilitare la decodifica del formato Auro-3D.  A differenziare questa codifica, rispetto a una configurazione tradizionale, è l’aggiunta di uno o due livelli supplementari, che si sommano alle attuali configurazioni multi-canale, espandendo il suono in verticale. I diffusori vengono installati ad un livello superiore a quello dell’ascoltatore, proprio per ricreare una maggiore estensione in altezza. Da qui ne deriva il richiamo al 3D, poiché si considera l’espansione verticale come una “dimensione sonora” aggiuntiva.

Auro-3D sarà compatibile con i seguenti modelli:

  • • Marantz: amplificatore SR7009 e pre-processore AV7702
  • • Denon: amplificatori AVR-X4100W e AVR-X5200W

L’aggiornamento è disponibile al prezzo di 149 Euro.

Fonte: AVForums

Filippo Gamberini

Filippo Gamberini

6 commenti

  1. pathfinder2810

    scelta molto ma molto singolare… mi chiedo il perché e non trovo una risposta soddisfacente….. di solito gli aggiornamenti sono stati sempre gratuiti tranne questo. Forse perché rispetto al Dolby Atmos l’Auro3d è visto come tecnologia di “nicchia” e per pochi eletti?

    • Gian Luca Di Felice

      Buongiorno,
      credo sia dovuto a questioni di licenze. Forse Auro-3D fa pagare ai costruttori un’onerosa royalty per l’uso della sua tecnologia e D&M ha deciso di non farsene carico…. anche perché di film in Blu-ray con tracce Auro-3D non se ne vede l’ombra… e gira giusto qualche titolo musicale Blu-ray Pure Audio… quindi è per ora una super nicchia…

  2. pathfinder2810

    pagare 149€ per un firmware che non si sa se avrà futuro…mah

    • Gian Luca Di Felice

      Non è di certo obbligatorio! E’ un’opzione in più (tra l’altro non prevista al momento dell’annuncio di tutti i modelli compatibili) per chi volesse a tutti i costi la decodifica Auro-3D. Ripeto, bisognerebbe capire quanto costa la licenza d’uso del formato (e non mi risulta assolutamente che sia gratis).

  3. pathfinder2810

    concordo che non sia obbligatorio ma le mie perplessità restano sul metodo scelto….non vorrei che questo sia preso come esempio da a ltri

    • Gian Luca Di Felice

      Secondo me bisognerebbe fare dei distinguo, perché non è assolutamente scontato che un aggiornamento firmware (quindi software) debba essere per forza gratis:
      1. Aggiornamenti firmware finalizzati a risolvere difetti o malfunzionamenti devono essere gratis
      2. Aggiornamenti firmware finalizzati ad implementare funzionalità annunciate in fase di presentazione di un prodotto devono essere gratis
      3. Aggiornamenti firmware che aggiungono nuove funzionalità (non previste inizialmente) e che magari richiedono un costo di sviluppo “importante” o costi di licenza, possono essere gratuiti (perché decide il costruttore di farsene carico), come a pagamento. Non ci vedo nulla di scandaloso! Anzi, lo trovo un incentivo a continuare a seguire lo sviluppo di un prodotto. Personalmente preferisco pagare “un tot” piuttosto che dover ricomprare un prodotto aggiornato pur di avere la funzionalità “x”.

      Negli ultimi anni, mi è capitato più volte di usare prodotti a cui mancasse una funzionalità, solo perché “castrata” dal costruttore per mancanza di licenza (nonostante i chip integrati supportassero tale funzionalità). Ottimi prodotti, che non avrei mai cambiato e se avessi avuto l’opzione di un aggiornamento firmware a pagamento (naturalmente in proporzione al costo iniziale del prodotto) che coprisse i costi di licenza della funzionalità, non avrei esitato un momento ad acquistarlo.

Lascia un Commento