Home » News » Foto e Ripresa » HTC Desire Eye: il re dei “selfie phone”

HTC Desire Eye: il re dei “selfie phone”

desire eye 09 10 2014 - HTC Desire Eye: il re dei "selfie phone"

Oltre alla action cam RE camera, HTC ha presentato ufficialmente anche il Desire Eye, un nuovo “selfie phone” con caratteristiche interessanti. Le specifiche ufficiali sono, in gran parte, quelle che avevamo già riportato pochi giorni fa, a testimonianza del fatto che le indiscrezioni erano assolutamente attendibili. Cuore del telefono è un processore Qualcomm Snapdragon 801, un quad-core da 2,3GHz, abbinato a 2GB di RAM e 16GB di memoria integrata, espandibile fino a 128GB, tramite microSD. il display è un 5,2″ con risoluzione Full HD, contornato da due speaker Boomsound, inseriti nello spazio tra schermo e scocca del telefono.

Desire Eye misura 151,7 x 73,8 x 8,5 mm, con un peso di 154 grammi. I microfono presenti sono 3, per una più efficace riduzione del rumore, mentre la connettività comprende LTE, NFC, Bluetooth 4.0, Wi-Fi a/b/g/n dual band e GPS con Glonass. Troviamo poi il consueto novero di sensori, con accelerometro, giroscopio, sensore di prossimità e luce ambientale. La SIM è in formato nano, mentre la batteria, non rimovibile, ha una capacità di 2.400mAh. Non manca nemmeno la protezione contro i liquidi, presente sotto forma di certificazione IPX7. La vera particolarità di questo smartphone è costituita dalla presenza di due fotocamere, frontale e posteriore, praticamente identiche. L’unità frontale utilizza un sensore BSI CMOS da 13MP, con grandangolo da 22mm e F2.2, mentre quella posteriore sfrutta lo stesso tipo di sensore, ma con grandangolo da 28mm e F2.0. Entrambe le fotocamere sono abbinate a un doppio flash LED.

desire eye 2 09 10 2014 - HTC Desire Eye: il re dei "selfie phone"

I video possono essere ripresi a risoluzione Full HD, sia con la fotocamera frontale che con quella posteriore. HTC ha inserito numerose funzionalità, atte a sfruttare le capacità fotografiche della sua nuova creazione. Le suddette funzioni sono raggruppate sotto la voce “HTC Eye”, e offrono molteplici possibilità. “Face tracking” utilizza il riconoscimento automatico dei volti, scattando foto dopo quattro secondi, mentre “Split capture” cattura un’immagine sia del soggetto inquadrato, sia dell’autore dello scatto, per immortalare anche le emozioni provate in quel preciso momento. Troviamo poi “Face Fusion”, che combina i volti di due selfie in un’unica immagine, “Live make-up”, che offre filtri atti a migliorare la resa degli auto-scatti, “Auto e Voice selfie”, che permette di realizzare foto e video con un sorriso, oppure tramite comandi vocali, “Photo booth”, che realizza collage di 4 immagini con effetto vintage, e infine “Crop me in”, che combina l’immagine dello sfondo, scattata con la fotocamera posteriore, con il selfie scattato dalla fotocamera anteriore.

La HTC Eye Experience non resterà un’esclusiva di Desire Eye: HTC la porterà, con appositi aggiornamenti, sul One M8 e progressivamente anche su One Mini 2, One M7, One Mini, Desire 820 e Desire 816.

Desire Eye sarà disponibile da novembre, nelle colorazioni bianco/blu e bianco/rosso, al prezzo di circa 549 Euro.

Fonte: HTC

Condividi su:

Filippo Gamberini

Filippo Gamberini