Home » News » Home & Gadget » Sony SmartEyeglass: la risposta ai Google Glass

Sony SmartEyeglass: la risposta ai Google Glass

sony 2 23 09 2014 - Sony SmartEyeglass: la risposta ai Google Glass

Sony intende proporre un’alternativa ai Google Glass, realizzandone una versione personalizzata, con diversi cambiamenti, rispetto all’originale progetto partorito dalle menti di Mountain View. Il prodotto del marchio giapponese prende il nome di SmartEyeglass, e si presenta come un paio di occhiali completi, le cui lenti fungono da schermi. Sony ha curato molto la “trasparenza” delle lenti, raggiungendo una trasmittanza pari all’85%, con una luminosità di 1.000 cd/m2. Un’altra differenza, rispetto ai Google Glass, consiste nel ricorso ad un telecomando collegato tramite un cavo. L’unità esterna integra la batteria, un microfono, una selezione molto ridotta di tasti e un sensore touch.

sony 3 23 09 2014 - Sony SmartEyeglass: la risposta ai Google Glass

La dotazione di sensori, posti sugli occhiali, è molto ampia: troviamo accelerometro, giroscopio, bussola elettronica, sensore di luminosità ambientale e una fotocamera da 3 megapixel, capace di girare video a risoluzione VGA. Gli SmartEyeglass si collegano a smartphone o tablet, tramite Bluetooth o Wi-Fi, interagendo per mezzo di un’apposita applicazione. Sony ha già rilasciato gli strumenti per lo sviluppo del software, puntando con forza sulla realtà aumentata.

sony 4 23 09 2014 - Sony SmartEyeglass: la risposta ai Google Glass

L’interfaccia mostrata sulle lenti è monocromatica: scritte ed icone sono mostrate in verde. Apparentemente l’idea è di creare una sinergia tra smartphone e occhiali, in modo da sovrapporre indicazioni e informazioni utili a ciò che guarda l’utente. Una delle applicazioni mostrate, infatti, funge da guida turistica. Attualmente non viene fornita una possibile data di uscita: evidentemente Sony intende assicurarsi un buon supporto degli sviluppatori, prima di pianificare il lancio sul mercato.

A seguire il video ufficiale rilasciato da Sony:

Fonte: Sony

Filippo Gamberini

Filippo Gamberini

Lascia un Commento