Home » News » Gamma TV Panasonic 2018: 2 OLED e 4 serie LCD 4K e HDR

Gamma TV Panasonic 2018: 2 OLED e 4 serie LCD 4K e HDR

fx780 e1518544820161 - Gamma TV Panasonic 2018: 2 OLED e 4 serie LCD 4K e HDR

Panasonic ha presentato la nuova gamma di TV LCD 2018. Le serie in uscita sono quattro: FX780, FX740, FX700 e FX600. Tutti i modelli sono provvisti di pannelli Edge LED di tipo IPS ad eccezione del 75″ FX780 e del 65″ FX600 che sono VA. La risoluzione è 4K per tutti e anche la Smart TV è in comune. Si parla quindi della My Home Screen 3.0 che ritroveremo anche sugli OLED FZ800 e FZ950. Il supporto a HDR sarà presente su tutte le serie e comprenderà HDR10, il nuovo HDR10+ e HLG. Anche il 4K Game Mode sarà una modalità comune all’intera gamma e assicurerà un basso input lag con i videogiochi, il più basso su tutti le TV Panasonic realizzate fino a oggi.

fz950 - Gamma TV Panasonic 2018: 2 OLED e 4 serie LCD 4K e HDR

FX780 sarà la serie di punta per quanto riguarda gli LCD. Si potrà scegliere tra 49″, 55″, 65″ e 75″. Il design Art & Interior è curato a 360° e quindi con finiture di pregio anche sulla parte posteriore. Il processore è lo Studio Colour HCX che troviamo anche sugli OLED e offre gli stessi vantaggi, compresa la nuova 3D-LUT. Il Super Bright Panel assicura picchi di luminosità superiori del 20% rispetto ai modelli 2017. Panasonic parla di Local Dimming Pro che opera in sinergia con l’elaborazione video e di una copertura molto estesa degli spazi colore più ampi. FX780 è inoltre contrassegnata come 2200Hz, un dato che fa riferimento all’elaborazione e non al refresh rate.

fz800 - Gamma TV Panasonic 2018: 2 OLED e 4 serie LCD 4K e HDR

FX740 condivide la gran parte delle caratteristiche della serie FX780. I modelli comprendono un 49″, un 55″ e un 65″. I televisori sono contrassegnati come Local Dimming e come 1600Hz. Offrono quindi un local dimming un po’ meno prestante. FX700 mette a disposizione le stesse diagonali e condivide praticamente tutta la dotazione di FX740, dalla quale differisce più che altro a livello di design. Il piedistallo Switch Design permette di regolare la posizione della base, più spostata verso i lati o verso il centro.

FX600 rinuncia al local dimming vero e proprio, sostituito da Adaptive Backlight Dimming Plus, un’elaborazione software. I modelli disponibili sono quattro: 43″, 49″, 55″ e 65″. Le TV sono contrassegnate come 1300Hz. Il piedistallo presenta le stesse regolazioni della serie FX700.

hdr10 - Gamma TV Panasonic 2018: 2 OLED e 4 serie LCD 4K e HDR

Per quanto riguarda gli OLED è stata mostrata la calibrazione con CalMAN, il noto software utilizzato da quasi tutti i tecnici e le testate. Collegando PC e televisori tramite Wi-Fi si possono regolare automaticamente tutti i parametri in HDR e SDR. Per effettuare tutte le operazioni necessarie occorrono anche un colorimetro e qualsiasi prodotto capace di generare i segnali di test. La novità principale sui Panasonic 2018 consiste nelle due regolazioni aggiuntive a 2,5 e 5 IRE (quindi i soli primi 2 step della scala dei grigi, per complessivi 12 punti totali).

calman oled panasonic - Gamma TV Panasonic 2018: 2 OLED e 4 serie LCD 4K e HDR

Panasonic ha poi confermato l’aggiornamento a HDR10+ dei TV 2017 EZ1000, EZ950 e degli LCD Ultra HD EX780. Al momento non è noto se il nuovo formato sarà attivo solo in streaming o se il supporto si estenderà anche agli ingressi HDMI. Abbiamo infine assistito ad una demo che metteva a confronto i nuovi TV OLED con le serie precedenti. Valutando le immagini ad occhio abbiamo riscontrato un picco di luminosità sensibilmente superiore in HDR, oltre ad altre migliorie legate al processore video aggiornato. Siamo quindi curiosi di poter misurare le prestazioni con i nostri strumenti, cosa che non mancheremo di fare quando avremo per le mani un esemplare da recensire.

Tutte le TV arriveranno a giugno. I prezzi non sono stati comunicati, ma per FZ950 si parlerebbe di un listino in linea con quello di EZ950 al momento dell’arrivo sul mercato. FZ800 sarà invece un po’ più economico.

Fonte: Panasonic

Condividi su:

Filippo Gamberini

Filippo Gamberini