Home » News » The Screening Room: i film al cinema fruibili direttamente in salotto

The Screening Room: i film al cinema fruibili direttamente in salotto

sean parker screening room 11 03 2016 - The Screening Room: i film al cinema fruibili direttamente in salotto

Da tempo si registrano periodicamente tentativi per ridurre la finestra temporale che rende i film esclusivamente fruibili nei cinema. Uno degli esempi è Netflix, che con l’uscita dei suoi film Original si è scontrata direttamente con gli esercenti (finendo anche per subirne il boicottaggio). Un altro esempio è Prima Cinema, che offre un apposito player da utilizzare per vedere gli stessi titoli presenti nelle sale, seppur con prezzi totalmente irraggiungibili per i “comuni mortali” (si parla di 35.000 dollari per il player).

L’ultimo tentativo, portato avanti da Sean Parker, co-fondatore di Napster, si chiama The Screening Room. Il progetto è ancora alle prime fasi di studio ma è stato già presentato ad alcuni addetti ai lavori. I punti di forza su cui si basa The Screening Room sono tre: un costo accessibile (anche se non basso), un sistema anti-pirateria proprietario la condivisione degli utili con i proprietari delle sale e i distributori.

Per la visione dei film si dovrebbe utilizzare un set-top box realizzato per l’occasione, dal costo di 150 dollari. I film andrebbero poi noleggiati per 48 ore, con un costo di 50 dollari per ciascuno. Nel prezzo sarebbero inoltre compresi due biglietti per vedere lo stesso titolo in qualunque cinema, un modo per compensare anche i gestori. The Screening Room ha già diviso il mercato: si registrano dichiarazioni estremamente negative ma anche l’interesse di studios come Universal, Fox e Sony, mentre AMC sarebbe sul punto di chiudere un accordo.

Naturalmente occorrerà tempo per capire se il progetto potrà effettivamente concretizzarsi.

Fonte: Variety

Condividi su:

Filippo Gamberini

Filippo Gamberini